Il sale marino ha avuto un boom di popolarità nei ristoranti e nelle corsie dei supermercati. Alcuni chef lo preferiscono al sale da tavola per la sua consistenza grossolana e croccante e per il suo sapore più forte. I produttori lo usano nelle patatine fritte e in altri snack perché è “completamente naturale”, e alcuni consumatori attenti alla salute lo scelgono perché contiene minerali come il magnesio.

Ma in un aspetto molto importante c’è poca differenza tra i due: il contenuto di sodio.

Come si confronta la quantità di sodio nel sale marino con il sale da cucina?

In un sondaggio il 61 percento degli intervistati ha concordato erroneamente sul fatto che il sale marino è un’alternativa a basso contenuto di sodio rispetto al sale da tavola. Il sale da cucina e la maggior parte dei sali marini contengono tutti circa il 40% di sodio in peso.

Il sale kosher e alcuni sali marini possono avere dimensioni di cristallo più grandi del sale da tavola, quindi possono avere meno sodio in volume (per esempio, con un cucchiaino da tè o un cucchiaio da tavola). Un cucchiaino di sale da cucina ha circa 2.300 mg di sodio, ma un cucchiaino di sale marino o di sale kosher può avere meno sodio semplicemente perché sul cucchiaio ci sono meno cristalli.

Alcune varietà di sale marino affermano di avere meno sodio rispetto al sale da cucina. Potete controllare l’etichetta i Nutrition Facts per confrontare come un dato sale marino si confronta con il sale da cucina, che ha circa 575 mg di sodio per ¼ di cucchiaino.

Qual è la differenza tra il modo in cui il sale marino e il sale da cucina sono fatti?

Il sale marino si ottiene direttamente dall’evaporazione dell’acqua di mare. Di solito non viene lavorato, o subisce una lavorazione minima, e quindi conserva tracce di minerali come magnesio, potassio, calcio e altre sostanze nutritive.

Il sale da tavola, invece, viene estratto dai depositi di sale e poi lavorato per conferirgli una consistenza fine, in modo che sia più facile da miscelare e da utilizzare nelle ricette. Questa lavorazione priva il sale da tavola di qualsiasi minerale, e gli additivi possono essere usati per prevenire la formazione di grumi.

C’è un vantaggio per la salute nel mangiare il sale marino?

La maggior parte dei sali marini non offre reali vantaggi per la salute.

Le minime quantità di minerali in tracce che si trovano nel sale marino si ottengono facilmente da altri alimenti sani. Il sale marino contiene anche generalmente meno iodio (aggiunto per prevenire il gozzo) rispetto al sale da tavola.

Quindi, quale scegliere?

Di solito si può lasciare che le papille gustative scelgano tra sale kosher, sale marino e sale da cucina. Contengono tutti più o meno la stessa quantità di sodio.